OROSCOPO

Meteo Ragusa
13 Maggio 2021

OROSCOPO

Meteo Ragusa

Il governo Musumeci boccia il contributo, quale futuro per il CUI di Ragusa?

Spread the love
2 minuti stimati per la lettura

Ragusa – La parlamentare del M5S Stefania Campo comunica che il Governo Musumeci ha bocciato il contributo per il consorzio universitario di Ragusa potrebbe essere a rischio.

“Insieme al mio gruppo, nel corso della discussione della legge finanziaria, – spiega Stefania Campo –   avevamo proposto un emendamento all’art. 36, che impegnasse altri due milioni di euro, ma il centrodestra di governo ha deciso di dirottare queste somme verso altre finalità. Il fondo  – continua la parlamentare ragusana – sarebbe stato utile a scongiurare la chiusura di corsi di laurea fondamentali per il territorio, specialmente in un momento storico in cui vi è una dispersione scolastica altissima.

“Purtroppo il governo Musumeci ha annunciato di non avere queste coperture. Eppure – diciamocelo chiaramente – quando si tratta di fare favori e dare marchette, le coperture le trovano sempre. Evidentemente -conclude la parlamentare pentastellata – Musumeci ha altre priorità e sottovaluta come la presenza delle università nelle province più piccole sia un importante indotto anche economico oltre che culturale”

Deluso dai tagli subiti nella finanziaria, è il presidente del consorzio ibleo Pinuccio Lavima, che ritiene sarebbe stato utile un incremento dei fondi per il suo consorzio universitario. Lavima, tuttavia resta ottimista perchè crede fortemente che le iniziative e i nuovi programmi intrapresi dal Cda, troveranno la sensibilità e il sostegno del Governo Regionale.

Per il presidente del consorzio universitario ibleo, infatti, appare improbabile che dopo le nuove riforme degli statuti e il coordinamento dei consorzi con presidenti di nomina la regionale, Musumeci non voglia sostenere il funzionamento e il loro sviluppo. 

Pinuccio Lavima – Presidente ConsorzioUniversitario di Ragusa

Per il sindaco di Ragusa Peppe Cassì, invece, il consorzio universitario ibleo vive una situazione allarmante, perchè i contributi regionali sono erogati in base al numero degli iscritti, e Ragusa avendo un solo corso di laurea rimane fortemente penalizzato. Il Primo Cittadino del capoluogo lancia un  grido d’allarme perchè, a quanto pare, il contributo sarà ridotto rispetto a quello avuto gli anni precedenti. Per Cassì la situazione diventa addirittura paradossale in quanto, il comune di Ragusa, pur essendo il socio di maggioranza per 85% non ne può controllare la gestione. L’alternativa per Cassì potrebbe essere la creazione di un nuovo consorzio,ma la strada è impraticabile del tutto in questo periodo perchè significherebbe rinunciare del tutto ai fondi regionali.

La foto di copertiva è tratta dal web

Pinuccio Lavima, Stefania Campo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Newsletter

Resta sempre aggiornato. Iscriviti alla nostra newsletter. Basta un attimo.


Collabora con noi:
dillo al giornale

Vuoi pubblicare un annuncio o effettuare una segnalazione. Scrivici.



Il Domani Ibleo © 2021. Tutti i diritti riservati. Designed by Ideology Creative Studio 

La testata e la linea grafica della testata è stata realizzata da Ariel Garofalo. www.arielgarofalo.com Email: arielgarifalo@gmail.com

error: Il contenuto è protetto da Copyright.

Iscriviti alla newsletter del Domani Ibleo per non perderti le ultime news della provincia.