Giorgio Scarso lascia la presidenza della FIS, “Scelta d’amore per questa disciplina”

Il maestro di scherma Giorgio Scarso non è più il presidente della Federazione Italiana Scherma. Lo stesso Scarso lo ha ufficializzato nel corso dell’assemblea nazionale elettiva che al suo posto ha eletto come massimo esponente Paolo Azzi che resterà in carica fino al 2024.

Scarso che fu eletto presidente federale nel 2005 è stato in carica per sedici anni, durante la quale ha vissuto molte emozioni per le tante vittorie ottenute dai suoi atleti, ma allo stesso tempo ha dovuto superare diversi problemi e lo ha fatto sempre nel massimo rispetto di tutti e sempre nella massima trasparenza e lealtà.

Guardare al futuro

“In certi momenti bisogna sapere guardare al futuro – ha spiegato durante il suo intervento l’ormai ex presidente Giorgio Scarso – Ho fatto 16 anni da presidente e 4 da vicepresidente, ho ritenuto opportuno di passare la mano. Per me sono stati venti anni d’impegno, di emozioni, di preoccupazioni, di problemi, ma anche di tanti successi che mi hanno dato la possibilità di guidare una grande federazione, perchè voi con il vostro impegno, il vostro entusiasmo e il vostro senso di appartenenza l’avete fatta grande.

Sicuramente – continua il maestro modicano – ho commesso degli errori, ma se potessi tornare indietro, con sincerità dico che rifarei le stesse scelte e prenderei le stesse decisioni, perchè le ho fatte in buona fede e perchè convinto che in quel momento fossero quelle giuste e di conseguenza non mi sono mai sottratto alle mie responsabilità, perchè fare rispettare le regole è il primo dovere di un dirigente.

Un grazie a tutti

Ringrazio tutti quelli che mi hanno aiutato a gestire la federazione -conclude il maestro Scarso – i miei più stretti collaboratori che mi sono stati vicini nei momenti belli e meno belli, alle commissioni ,ai revisori dei conti che hanno dato un contributo straordinario, ai colleghi maestri, agli arbitri, ai presidenti, ai delegati regionali e provinciali, ai dirigenti di società e naturalmente alle famiglie che ci hanno affidato i loro figli.

Un grazie va anche alla mia famiglia che mi ha supportato e sopportato e ai tutti quelli che rappresentano il perchè del nostro impegno, vale a dire ai nostri atleti ,uomini e donne, olimpici e paralimpici, affermati e in erba, a loro dico di ricordare sempre dalle prime lame alle olimpiadi che rappresentate la magnifica Federazione Italiana Scherma”

Il maestro Scarso, dunque, può fare un bilancio della sua vita al servizio della Scherma iniziato nella sala del Castello dei Conti dove allora si allenava la Scherma Modica e dove sono cresciuti tanti talenti, tra cui il campione olimpico di Londra 2012 Giorgio Avola, ma anche grandi maestri come Eugenio Migliore, e concluso nelle scorse ore, quando ha lasciato la carica di presidente della FIS. Il maestro Scarso resta ancora membro della Federazione Internazionale, dove fino al 2016 ha ricoperto anche la carica di vice presidente.

Eugenio Migliore, modica, Olimpiadi Londra 2012, scherma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


PUBBLICITÀ


Collabora con noi

Vuoi pubblicare un annuncio o effettuare una segnalazione?



Il Domani Ibleo © 2021. Tutti i diritti riservati. Designed by Ideology Creative Studio 

La testata e la linea grafica della testata è stata realizzata da Ariel Garofalo. www.arielgarofalo.com Email: arielgarofalo@gmail.com