Oroscopo
OROSCOPO

Settimane cruciali per il pomodoro secco alla Siciliana, tradizione, virtù e benefici salutistici

Avviata in queste settimana la “campagna” del pomodoro secco, nel segno della tradizione. La congiunzione pomodoro e sole scatena la corsa alla preparazione di uno dei prodotti più buoni della tradizione siciliana.

E’ diffusa in tutte le famiglie che sfruttano ogni piccolo spazio per stendere al solo il pomodoro tagliato e ottenere un prodotto naturale e di altissime qualità nutritive. Le nostre  massaie sono orgogliose di aver fatto, qualcosa che conserveranno per tutto l’anno. Ma vediamo, questa antica tradizione, quanti segreti e principalmente quanti nutrienti possiede.

I pomodori secchi sono pomodori freschi tagliati che vengono posti al sole o in forno per disidratarli. Durante questo processo il pomodoro può perdere fino al 90% del suo peso a causa dell’evaporazione dell’acqua. Occorrono quindi dai 10 ai 12 chili di pomodori freschi per ottenere un chilo di pomodori secchi. Questo spiega l’elevata concentrazione di nutrienti nel pomodoro secco rispetto al pomodoro fresco.

“A parte il contenuto di acqua che scende dal 94% al 15%, cioè una perdita dell’84%, tutti gli altri nutrienti sono concentrati. Abbassare il contenuto di acqua diminuisce la crescita dei batteri e inibisce lo sviluppo di muffe, facilitando così la naturale conservazione del pomodoro secco”, sottolinea.

Un concentrato di proteine

Tra i nutrienti che si concentrano nel pomodoro secco citiamo il contenuto proteico che va da trascurabile (1 g nel pomodoro fresco) ad alto (14 g nel pomodoro secco).

“Questo contenuto è quantitativamente equivalente a quello fornito da due uova o 175 g di mandorle”.

Inoltre, qualitativamente, le proteine ​​dei pomodori secchi portano in equilibrio gli 8 aminoacidi essenziali (non sintetizzati dall’organismo) con, però, un basso livello di metionina. Questo amminoacido e la lisina sono i due fattori che limitano l’equilibrio delle proteine ​​di origine vegetale.

Infatti, “l’accompagnamento di pomodori secchi con formaggio o mandorle, o anche pane, lo renderà un piatto equilibrato quantitativamente e qualitativamente in termini di proteine, creando complementarietà tra gli amminoacidi di questi alimenti”.

Fibre che consentono una buona regolazione del transito intestinale

Inoltre, 100 g di pomodori secchi riportano 12 g di fibra per 100 g, che è l’equivalente di quello che porterebbero 100 g di mandorle o fichi secchi o olive con molta meno energia.

“Questo rende i pomodori secchi un alleato per arricchire la nostra dieta di fibre, permettendo così una buona regolazione del transito intestinale (soprattutto perché spesso è accompagnato dall’olio d’oliva) e aiutando la protezione cardiovascolare”.

Inibisce l’assorbimento intestinale del colesterolo

L’apporto lipidico (3 g per 100 g di pomodoro secco) è invece costituito in particolare da acidi grassi mono e polinsaturi. Essendo il pomodoro un prodotto vegetale, è privo di colesterolo ma contiene fitosteroli (composti naturalmente presenti nella frazione lipidica delle piante) in ragione di 7 mg per 100 g di prodotto.

I fitosteroli sono efficaci agenti ipocolesterolemizzanti perché inibiscono l’assorbimento del colesterolo dall’intestino. Questa inibizione è dovuta alla grande somiglianza delle proprietà fisico-chimiche dei fitosteroli con quelle del colesterolo.

“Tuttavia, è importante notare che l’azione benefica dei fitosteroli sulla riduzione del colesterolo totale e del colesterolo LDL (LowDensityLipoprotein) si osserva solo da 1,5 a 3 giorni, cosa ben lungi dall’ essere raggiunta dalle solite diete, ‘ spiegano gli esperti.  Così, 100 g di pomodori secchi riportano in media 257 chilocalorie, suddivise in 67% carboidrati, 22% proteine ​​e 11% lipidi.

“L’utilizzo dei pomodori secchi come ingrediente di molte preparazioni (pizza, salse, ecc.), insalate o accompagnati da olio di oliva come antipasto, conferisce loro un notevole apporto energetico di cui bisogna tener conto in caso di apporto calorico. Se prevale il piacere gastronomico, è imperativo bruciare queste calorie camminando per 1 ora o correndo per 20 minuti”, affermano i dietologi.”Nel caso dell’arricchimento calorico di alcune diete volte a combattere la magrezza e la denutrizione, anche anoressia, l’uso dei pomodori secchi è un pregio e una garanzia di apporto energetico e di esaltazione del sapore dei piatti”.

Un alimento diuretico grazie al suo contenuto di minerali

Oltre all’apporto di macromolecole, i pomodori secchi sono ricchi di minerali, in particolare manganese e rame, poiché 100 g di prodotto coprono rispettivamente il 111 e il 100% del fabbisogno di questi due oligoelementi.

Inoltre, il pomodoro secco è ricco di magnesio e ferro poiché copre il 65% del fabbisogno di questi due elementi. È utile sottolineare che il ferro proveniente dalle piante è scarsamente assorbito dall’organismo.

Il suo alto contenuto di potassio, che copre il 73% del fabbisogno, e il suo contenuto di sodio relativamente basso (247 mg/100 g di prodotto) gli conferiscono la proprietà di un alimento diuretico.

“Tuttavia, la ricchezza in potassio e fosforo (che copre il 45% del fabbisogno) non consente il consumo di pomodori secchi da parte di chi soffre di insufficienza renale”, avvertono gli esperti. Infatti, il contenuto di calcio dei pomodori secchi è vicino a quello del latte. Tuttavia, la bassa biodisponibilità di questo calcio non gli conferisce lo status di una buona fonte di calcio.

Tuttavia, può partecipare attivamente alla copertura del calcio da fonti vegetali.

Sebbene limitato, l’assunzione di zinco e selenio copre rispettivamente il 13% e il 9% del fabbisogno giornaliero degli adulti di questi due potenti antiossidanti.

“La presenza combinata di manganese, zinco, selenio, beta-carotene e vitamina C rende i pomodori secchi un alimento antiossidante”, sostengono sempre gli esperti.

Dal punto di vista vitaminico, il pomodoro secco è una fonte molto interessante di vitamina B1, sapendo che 100 g di pomodori secchi coprono il 91% del fabbisogno giornaliero, vitamina B3 (copertura del 64,5% del fabbisogno), B2 (44,5% del fabbisogno), B5, B6 e anche B9 (acido folico).

La vitamina C del pomodoro secco rappresenta il 52% del fabbisogno. La combinazione di un contenuto significativo di ferro, vitamina C, vitamine B6 e B9, indica il ruolo, anche se limitato, dei pomodori secchi nella prevenzione dell’anemia.

I pomodori secchi sono ricchi di vitamina K (cofattore essenziale nelle reazioni che portano alla coagulazione) coprendo il 48% del fabbisogno giornaliero. Il suo consumo deve essere monitorato e anche limitato in caso di farmaci a base di anticoagulanti.

“In virtù della sua ricchezza nutrizionale, il pomodoro secco possiede proprietà antiossidanti e diuretiche che aiutano a depurare l’organismo e a proteggerlo dagli attacchi dei radicali liberi. Aiuta a prevenire l’anemia, la carenza di vitamina A e le carenze vitaminico-minerali”.

Ricco di licopene

Inoltre il pomodoro secco è ricco di licopene (46 mg per il pomodoro secco contro 2,4 mg per il pomodoro fresco) che ha la capacità di neutralizzare gli agenti responsabili dell’invecchiamento e degli attacchi cellulari.

Il licopene è un sottogruppo della vitamina A. È il pigmento rosso che dà il colore al pomodoro.

A differenza di altri nutrienti, il licopene non è prodotto dall’organismo. Il cibo è quindi la nostra unica fonte e l’85% del licopene nella dieta proviene da pomodori e derivati.

“Tuttavia, durante l’essiccazione solare, c’è una diminuzione del contenuto, ma in misura diversa a seconda della varietà di pomodori. Tuttavia, poiché occorrono dai 10 ai 12 chili di pomodori freschi per ottenere 1 chilo di pomodori secchi, il contenuto di licopene è concentrato nel pomodoro secco che è ricco di caroteni.

Il contenuto di licopene nei pomodori secchi è il più alto rispetto ad altri derivati ​​del pomodoro. “La lavorazione degli alimenti può migliorare la biodisponibilità del licopene degradando le pareti cellulari, il che indebolisce le forze di legame tra il licopene e la matrice tissutale e ne aumenta la biodisponibilità.

Il licopene è solubile nella fase grassa, il suo assorbimento aumenta quando i pomodori secchi vengono canditi o mangiati con olio di oliva”.

Protezione contro diversi tumori

Secondo la rivista “Le Mag des Thérapeutes” (la rivista di medicina alternativa e complementare), “il licopene ha attirato l’attenzione dei ricercatori quasi 30 anni fa quando studi negli Stati Uniti hanno dimostrato che i tassi di mortalità per tutte le forme di cancro erano più bassi tra americani più anziani.

Ma il nutriente ha davvero guadagnato notorietà quando gli studi hanno iniziato a dimostrare che potrebbe aiutare a proteggere gli uomini dal cancro alla prostata”.

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che il licopene è anche promettente nel ridurre il rischio di molti altri tumori.

Alcuni studi su cellule e animali mostrano che “il licopene aiuta a uccidere le cellule del cancro al seno, anche le più resistenti ai farmaci antitumorali”, si legge nella rivista citata sopra.

Secondo la stessa recensione, per quanto riguarda il cancro al colon, i ricercatori hanno anche misurato i livelli ematici di licopene nelle persone con e senza adenoma colorettale, una crescita intestinale che può trasformarsi in cancro: “Chi aveva polipi aveva il 35% in meno di licopene”.

Certamente, con tutte queste virtù, il pomodoro secco è più di un condimento. I suoi numerosi benefici rendono questo frutto disidratato un superalimento. La sua ricchezza nutrizionale in vitamine e minerali, insomma, che  rende questo  prodotto agroalimentare un solido alleato per la nostra salute, per non dire uno scudo contro diverse malattie.

Ecco perché sarebbe necessario, anzi benefico, ridare al pomodoro secco il posto che merita nel nostro equilibrio alimentare, soprattutto in questi tempi in cui ogni alimento che può aumentare il nostro benessere sarebbe il benvenuto.

colesterolo, fibre, protesine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Newsletter

Resta sempre aggiornato. Iscriviti alla nostra newsletter. Basta un attimo.


Collabora con noi:
dillo al giornale

Vuoi pubblicare un annuncio o effettuare una segnalazione. Scrivici.



Il Domani Ibleo © 2021. Tutti i diritti riservati. Designed by Ideology Creative Studio 

La testata e la linea grafica della testata è stata realizzata da Ariel Garofalo. www.arielgarofalo.com Email: arielgarifalo@gmail.com

Iscriviti alla newsletter del Domani Ibleo per non perderti le ultime news della provincia.