Violenza sulle donne, la formazione è il cardine per disinnescarla

Spread the love
1 minuti stimati per la lettura

Domani, giornata internazionale per ricordare ( se per caso siamo così
distratti da non rendercene conto) di quanto lavoro ci sia ancora da
fare , riguardo l’abolizione della violenza contro le donne. La
formazione è una delle chiavi principali che può disinnescare questi
eventi luttuosi. Le donne si trovano di fronte ad autorità, magistrati,
personale preposto alla denuncia di violenza: la parte d’impatto, che
accoglie vittima e denuncia, non può avere un atteggiamento di dubbio, di mancanza di empatia e di incapacita’ di ascolto. In maniera irreparabile questo provoca chiusura, allontanamento, impossibilità di raggiungere concretamente la vittima, per aiutarla e sostenerla.
La magistrata Paola Di Nicola afferma che ci si salva solo chiedendo
aiuto. La parte che accoglie le richieste di aiuto però deve essere
formata, e deve fare i conti con i pregiudizi e gli stereotipi
culturali. Il magistrato della Corte di Cassazione Bruno Giordano
afferma che il caso di femminicidio non è un caso, ma sempre supportato
da specifiche statistiche. Un dato rilevante che sottolinea è quello che
fa riferimento alla rete: più collaborano le parti di una comunità più
è difficile che ci sia un femminicidio. Una catena forte di
collaborazione tra centri antiviolenza, presenze associative, enti
preposti è un altra chiave necessaria, per debellare questa violenza
continua. Viene da dire che l’unione fa la forza. In questo caso
può salvare una vita.

Arianna Salemi

(Foto tratta da Fb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Newsletter

Resta sempre aggiornato. Iscriviti alla nostra newsletter. Basta un attimo.


Collabora con noi:
dillo al giornale

Vuoi pubblicare un annuncio o effettuare una segnalazione. Scrivici.



Il Domani Ibleo © 2021. Tutti i diritti riservati. Designed by Ideology Creative Studio