Contestazione e nostalgia in Take me home country roads

Spread the love
2 minuti stimati per la lettura

Quattro chitarre, un’armonica e un banjo. Quattro voci per rivivere le atmosfere americane degli anni Sessanta e Settanta. Anni fortemente caratterizzati dall’impegno politico, dalla contestazione, dal cambiamento. Anni di rivoluzione dei costumi e di contaminazione tra generi musicali.
east-west-quartet11«Il nostro concerto è un piccolo viaggio – grande per chi ha vissuto quegli anni – attraverso l’immensa onda sonora che partì dalla California, dalla West Coast, negli anni ’60. Un viaggio che faremo grazie ai brani di tanti artisti e gruppi storici passando anche per alcune perle legate al cinema» Così Alessandro Sassoli, leader dell’ East & West Quartet, ha introdotto Take me home country roads, concerto organizzato dall’Associazione The Entertainer con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Scicli.
È stato subito country rock con Seven bridges road degli Eagles e Helplessly hoping di Stephen Stills, stemperato dalle venature leggermente più pop di A horse with no name, brano d’esordio degli America che diede loro un immediato successo.
È stata poi la volta di una canzone legata alla storia del cinema: Mrs Robinson di Paul Simon da Il laureato di Mike Nichols.
E ancora Eagles con Peaceful easy feelings e Cat Stevens con Moon shadow e Ruby love, brano che ha visto aggiungersi alle chitarre il bouzouki e il mandolino elettrico.
Il viaggio continua con Teach your children di Graham Nash, Bye, bye love firmata Everly Brothers, The boxer di Paul Simon, Father and son, nuovamente Cat Stevens, e Feelin’ groovy, nuovamente Paul Simon.
Cantando l’America degli anni Sessanta e Settanta non poteva mancare Bob Dylan con Blowin’ in the wind e Knockin’ on heaven’s door, secondo brano “cinematografico” del concerto dalla colonna sonora di Pat Garrett e Billy The Kid di Sam Peckinpah.
E ancora, sull’onda dei ricordi, Slip sliding away di Simon, I’m easy di Keith Carradine, You’ve got a friend di Carole King e The gambler di Kenny Rogers.
In chiusura Take me home country roads di John Denver, canzone che ha dato il titolo al concerto, e Me and Julio down by schoolyard di Paul Simon.
Venti anni di storia raccontati con venti canzoni che non appartengono solo all’America, ma alla storia della musica e alla storia personale di molti.
East & West Quartet è formato da Alessandro Corsini (voce solista, chitarra), Alessandro Sassoli (voce, chitarre), Luca Burgalassi (voce, chitarre, mandolino elettronico, armonica) e Franco Ceccanti (voce, chitarre, bouzouki).

East & West Quartet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Potrebbe interessarti anche...

Francesco Balsamo dal 29 aprile alla Galleria Lo Magno di Modica

2017-04-27 07:57:00
Sabato 29 aprile 2017 alle ore 19 sarà inaugurata alla Galleria Lo Magno arte contemporanea di Modica la mostra “Dei passaggi e dei culmini” di Fra...

Inaugurata a Pozzallo la Galleria Sacca, fra arte, design, aziende e territorio.

2019-10-28 21:39:46
Pozzallo - SACCA Contenitore di sicilianità non è tipicità ma marchio di qualità, di Made in Sicily. Una visione che mira a valorizzare in ottica g...

Mostra di Fausto Podavini alla Galleria Soquadro di Ragusa

2017-05-19 19:36:57
Ragusa - MiRelLa è la storia d'amore di una donna per il proprio marito, colpito dal morbo di Alzheimer e ritrovatasi all'improvviso ad affrontare ...

Sacca, da 5 dicembre ospita 40 artisti con un legame sempre vivo con la Sicilia

2020-12-02 15:31:39
Pozzallo - Sabato 5 dicembre alla galleria SACCA Contenitore di sicilianità a Pozzallo, parte la mostra “Supersacca”, curata da Giovanni Scucces. L...

Newsletter

Resta sempre aggiornato. Iscriviti alla nostra newsletter. Basta un attimo.

codice

Collabora con noi:
dillo al giornale

Vuoi pubblicare un annuncio o effettuare una segnalazione. Scrivici.



Il Domani Ibleo © 2021. Tutti i diritti riservati. Designed by Ideology Creative Studio