Il grano bloccato a Pozzallo, il carico torna in Kazakistan

Spread the love
1 minuti stimati per la lettura

Pozzallo – Si conclude la vicenda del grano kazako stoppato nelle scorse settimane a largo di Pozzallo. “La ditta importatrice siciliana, cui era destinata la partita che la Sanità Marittima, unitamente al Servizio Fitosanitario Regionale e al Corpo Forestale della Regione Siciliana, avevano definito ‘non compatibile con il genere umano’, ha rinunciato all’immissione del carico sul mercato regionale – spiega una nota dell’assessorato all’Agricoltura della Regione Siciliana -. Nonostante il Tar di Catania avesse consentito un’operazione di cernitura del cereale per poi sottoporlo agli ulteriori controlli di legge, gli importatori, con atto formale, hanno rinunciato allo sdoganamento e richiesto tutta quanta la documentazione necessaria per il rientro al paese d’origine”.

Per l’assessore all’Agricoltura Edy Bandiera “la determinazione e la sinergia tra i diversi enti che si sono spesi in questa vicenda ha portato all’ottenimento di questo importante risultato, monito per quanti in forti di un passato agevole pensavano di poter perpetuare queste prassi. Continueremo la nostra azione di difesa della salute dei siciliani – aggiunge Bandiera – e tutela dei nostri produttori”.

Edy Bandiera, import, regione, sicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Newsletter

Resta sempre aggiornato. Iscriviti alla nostra newsletter. Basta un attimo.

codice

Collabora con noi:
dillo al giornale

Vuoi pubblicare un annuncio o effettuare una segnalazione. Scrivici.



Il Domani Ibleo © 2021. Tutti i diritti riservati. Designed by Ideology Creative Studio