Un mix di tradizione, cultura ed integrazione per il falò dei quartieri di Pozzallo.

Spread the love
2 minuti stimati per la lettura

Pozzallo – Ieri da quattro quartieri di Pozzallo sono partiti 4 tedofori, accompagnati dai Tamburi di Buccheri e dalla scuola di danza Dancing Free Star. Attraversando le varie strade di Pozzallo sono arrivati alla rotonda Raganzino dove era stata predisposta da volonterosi e rappresentanti dell’Associazione !I Vaniddari”, una piramide di legna in attesa dell’accensione per il grande falò in programma a conclusione di una giornata intensa di avvenimenti e manifestazioni per la 3^ Sagra di San Giuseppe. Ad attendere, sempre nella rotonda Raganzino,   anche la  scuola di Arcieri di Ragusa  per accendere con frecce infuocate il grande Falò. “E’ stato – ha detto Pino Asta – un momento di vera gioia per  la città”

I tedofori tutti di nazionalità diversa: Africa,Asia,Europa e Americhe e di  età compresa  tra 8 e i 15 anni e perfettamente integrati con la comunità pozzallese hanno lanciato gli strali che hanno dato vita ad una grande fiamma. . La Sagra ha visto anche una buona dose di animazione con concorrenti che si sono cimentati nei  vecchi giochi di una volta che per l’occasione sono stati riportati alla ribalta come il gioco dei sacchi, la pentolaccia, il tiro alla fune, ect. La festa è stata piena di spettacoli. Si sono esibiti : il gruppo Folk Val di Noto, quello di cavalli Equestre a cura della scuderia Runza, il gruppo Pozzallo in pizzica, e tanti altri partecipanti che hanno animato la serata con altri tipi di intrattenimento.  Tutti soddisfatti per la riuscita ed in primis la presidente dei Vaniddari, Valentina Sudano la quale ha  affermato  che “bisogna ripartire da quello che i nostri avi ci hanno lasciato in eredità cioè, tradizioni, cultura e integrazione, per recuperare  valori e  sentimenti autentici”.

Nella foto copertina –  ( di Antonio Carmelo Monaca) –   l’essenza di questa edizione della festa con. i ragazzi dell’Africa, Asia, Europa, Americhe, che hanno portano il fuoco dei quartieri storici pozzallesi… in un’unica fusione: U Jalafuocu

folk val di noto, i vaniddari, Pino Asta, scuderia runza, valentina sudano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Newsletter

Resta sempre aggiornato. Iscriviti alla nostra newsletter. Basta un attimo.

codice

Collabora con noi:
dillo al giornale

Vuoi pubblicare un annuncio o effettuare una segnalazione. Scrivici.



Il Domani Ibleo © 2021. Tutti i diritti riservati. Designed by Ideology Creative Studio