Le Balentes, paladine del canto tradizionale sardo

Spread the love
2 minuti stimati per la lettura

Le Balentes( Stefania Liori, Giuliana Lostia di Santa Sofia ed Elisabetta Delogu) hanno deliziato il pubblico che affollava la Pinacoteca di Palazzo Grimaldi in occasione del concerto organizzato dall’Associazione The Entertainer in collaborazione con la Fondazione Grimaldi.

balentes1.jpgTre voci delicate, potenti, perfettamente intonate tra loro. Le tre protagoniste si possono considerare le paladine moderne del canto a tenore, inserito dall’UNESCO, nelle liste del Patrimonio orale e immateriale dell’Umanità.

balentes21.jpgGrazia e freschezza per una tradizione antica che rifiorisce dalle voci di Stefania Liori, Giuliana Lostia di Santa Sofia ed Elisabetta Delogu e dall’emozione che le tre provano cantando.

Accompagnandosi con piccole – ad eccezione delle congas suonate dalla Delogu – percussioni e sostenute dalla chitarra di Pino Montalbano e dal basso di Pier Paolo Liori, La Balentes hanno proposto un ricco programma con brani originali e brani della tradizione sarda, ovviamente con rivisitazione personale.

pubblico-balentes1.jpgNel finale anche tre brani molto popolari : La bambola di Patty Pravo, Volta la carta di Fabrizio De Andrè e Spunta la luna dal monte dei Tazenda.

Toccanti e estremamente attuali gli interventi letterari selezionati da Lillo Contino e Giovanni Spadola interpretati da Simonetta Cartia e dallo stesso Spadola. Estratti da Quaderni del carcere di Antonio Gramsci, Cenere di Grazia Deledda e Sardegna tra emigrazione lingua e tradizione di Giuseppe Dessì, i testi hanno aggiunto pennellate importanti al già ricco affresco sulla cultura sarda.

Ancora Sardegna con il drink organizzato dal Caffè Hemingway, occasione per complimentarsi con gli artisti ospiti dopo il concerto.,

Stefania Liori all’inizio ha raccontato le origini del gruppo «abbiamo giocato a “rubare” dal repertorio maschile. Musicalmente, è ovvio; ma anche per il nome. Balentes veniva usato per indicare i ladri di bestiame; traslando, dunque, ha il significato di fieri, valorosi. Ci sembrava divertente e ironico usare per tre donne un nome che deriva da un concetto tipicamente maschile»

Associazione The Entertainer Modica, Caffè Hemingway, canto a tenore, Fondazione Grimaldi Modica, Giovanni Spadola, Le Balentes, Lillo Contino, Simonetta Cartia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Potrebbe interessarti anche...

Mostra di Fausto Podavini alla Galleria Soquadro di Ragusa

2017-05-19 19:36:57
Ragusa - MiRelLa è la storia d'amore di una donna per il proprio marito, colpito dal morbo di Alzheimer e ritrovatasi all'improvviso ad affrontare ...

Pozzallo, alla Galleria Sacca dal 5 dicembre 40 artisti in mostra

2020-11-26 22:15:44
ozzallo - La programmazione della galleria non si ferma. Anzi, tutt’altro! Continua alla grande, o forse meglio dire, super! Sabato 5 dicembre alla...

Un mix di tradizione, cultura ed integrazione per il falò dei quartieri di Pozzallo.

2018-03-25 16:22:16
Pozzallo - Ieri da quattro quartieri di Pozzallo sono partiti 4 tedofori, accompagnati dai Tamburi di Buccheri e dalla scuola di danza Dancing Free...

Due pittori contemporanei modicani espongono a Stoccolma

2018-02-11 08:38:39
Ci saranno anche due artisti siciliani nella collettiva intitolata “L’arte italiana contemporanea”, allestita alla Galleri Bellman nel cuore del qu...

Newsletter

Resta sempre aggiornato. Iscriviti alla nostra newsletter. Basta un attimo.

codice

Collabora con noi:
dillo al giornale

Vuoi pubblicare un annuncio o effettuare una segnalazione. Scrivici.



Il Domani Ibleo © 2021. Tutti i diritti riservati. Designed by Ideology Creative Studio