Oroscopo
OROSCOPO

Altri 275 disperati arrivati a Pozzallo: soccorsi la scorsa notte a venti miglia da Noto

E’ arrivato a Pozzallo un nuovo carico di vite umane. Si tratta di 275 migranti soccorsi la notte scorsa e trasbordati a bordo della nave P02 della guardia di finanza.

Le operazioni di sbarco sono proseguite per tutta la mattinata. A bordo del pattugliatore Monte Cimone intervenuto ieri sera a seguito dell’allarme lanciato da un motopesca con circa 500 persone a bordo, a una ventina di miglia a est del lido di Noto, c’erano tanti bambini accompagnati da familiari, uomini, donne, una delle quali al settimo mese di gravidanza, e perfino una neonata di circa tre mesi.

A Pozzallo già dalle prime ore del mattino si era attivata la macchina, ormai consolidata, del primo soccorso e dell’accoglienza che ha il compito di verificare lo stato di salute dei migranti.

Il Dottore Angelo Gugliotta, in servizio sul luogo dello sbarco, ha già disposto il trasferimento in ospedale di quattro persone, tre al Maggiore di Modica e una al Guzzardi di Vittoria. Tra le criticità rilevate quella di un uomo con febbre alta e tosse, un bambino di 10 anni talassemico in forte astenia, un altro migrante con un trauma intercostale da possibile caduta ed una donna incinta.

Tutti negativi fino a questo momento i tamponi covid effettuati, mentre molti sono i casi di tosse, bronchiti e mal di gola, presumibilmente dovuti al freddo patito durante le notti della traversata.

Sul posto del salvataggio la notte scorsa, con la Cimone, anche nave Corsi della guardia costiera che, con a bordo altri 300 migranti circa, si è diretta per lo sbarco al porto di Messina.

guardia di finanza, immigrazione, migranti, porto, pozzallo, sbarco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Collabora con noi

Vuoi pubblicare un annuncio o effettuare una segnalazione?



Il Domani Ibleo © 2021. Tutti i diritti riservati. Designed by Ideology Creative Studio 

La testata e la linea grafica della testata è stata realizzata da Ariel Garofalo. www.arielgarofalo.com Email: arielgarofalo@gmail.com