“Perché solo Modica non riesce a risolvere la questione rifiuti?” Se lo chiede Terranova (Cgil)

“Modica rifiutata e bastonata” è tutto racchiuso qui nell’oggetto del comunicato a firma del Segretario della Camera del Lavoro di Modica Salvatore Terranova il senso di quello che sta vivendo la nostra città in termini di rifiuti. 

Parlare dei rifiuti oggi in città, scrive Terranova, è una scelta obbligata, ma ad un tempo complicata, perché si viene coinvolti in un ragionamento che può assumere tutte le pieghe possibili. Può portare ad una analisi lucida o può sfociare in una considerazione con cui si può esprimere il giudizio universale su tutto e su tutti.” Questo forse è vero ma è certamente vera la considerazione che Terranova fa rispetto a come “dopo tanto tempo, ci si confronta, ciascuno intervenendo con il proprio bagaglio esperienziale e di competenza. Di recente non ricordo momenti così partecipati, né ho visto un argomento così sentito come quello che sembra aver invaso totalmente la testa dei cittadini. Forse perché si tratta di una crisi che può avere riflessi sanitari seri la questione rifiuti è diventata, giustamente, l’urgenza per antonomasia per i modicani.” 

E non poteva essere altrimenti, aggiungiamo noi, anche se forse ci saremmo dovuti svegliare prima ma, come sottolinea Terranova, “il dramma è che, trascorsi abbondantemente più di due mesi dalla crisi che è davanti ai nostri occhi, non si riesce a liberare totalmente il nostro territorio dai rifiuti, se e vero, come è vero, che fino ad oggi, facendo un giro per il centro, ma sopratutto nelle periferie, si può rilevare come sommari e prolungati affastellamenti di rifiuti fregano anche l’attenzione alla bellezza della nostra campagna e dei nostri quartieri a noi modicani e ai visitatori e turisti

Ma ciò che colpisce in questo comunicato è una considerazione importante che su cui forse non tutti hanno posto l’attenzione: “La considerazione è che le altre città del nostro territorio pare abbiano trovato una soluzione, di breve periodo, allo sgombero dei rifiuti e quindi risentono in maniera meno pesante della presenza della indifferenziata nei loro quartieri e periferie, rispetto a Modica dove invece sembra che tutto sia fermo e che non si sia riusciti ad individuare un rimedio, anche temporaneo, per alleggerire l’addensamento di balle di rifiuti ovunque.Se ciò è vero, cosa hanno fatto le altre città che Modica non ha fatto o non ha potuto fare? O che non è riuscita a fare? O che non può fare?

E come giustamente sottolinea Terranova “il nodo della vicenda risiede tutto qui, in questa differenza tra le altre città e Modica nell’ambito del medesimo territorio.” Ma c’è di più! Parrebbe infatti che città vicinorie conferiscano i loro rifiuti addirittura in un impianto di raccolta di raccolta e smaltimento dei rifiuti, di proprietà privata, sito tra Modica e Scicli, ma sempre dentro la giurisdizione territoriale di Modica. 

E allora si chiede Terranova e ci chiediamo anche noi: “Perché alcune città possono conferire e Modica no? Come mai Modica non può far ricorso a questo impianto che è allocato, tra l’altro, nel proprio territorio, mentre altre città si? Cosa impedisce al Comune di Modica di poter accedere ad un servizio privato che potrebbe costituire una condizione di sfogo alla terribile crisi che la città sta attraversando per la difficoltà di rimuovere dal proprio territorio l’immondizia indifferenziata?”

Una possibilità potrebbe essere che il Comune abbia debiti, possibilmente accumulati in passato, con l’azienda proprietaria dell’impianto e per questo motivo Modica non può conferire lì i propri rifiuti…”Ci chiediamo: è questo il motivo?

La Camera del Lavoro di Modica chiede una risposta da parte della Commissaria, cui non può sottrarsi. “Se così fosse, dichiara Terranova, qui siamo difronte al dramma nel dramma, insomma ad un doppio dramma. Quello dei cittadini che debbono subire la vergogna civica di un territorio sopraffatto dalla immondizia sparsa ovunque, dove pezzi di territorio hanno assunto estemporaneamente il ruolo di discariche a cielo aperto e quello dell’ente-comune che ormai è solo la parvenza di una istituzione, ridotta a colabrodo e zeppa di debiti, che è impotente anche dinanzi ad un privato che, per farsi rispettare, immaginiamo gli chiude la porta, perché a sua volta, supponiamo, questo privato da esso si sente umiliato, a tal punto da ritenerlo oramai inaffidabile.

Un Comune, ormai scarso di credibilità, viene da supporre di trovarsi di fronte possibilmente al diniego di un privato, che a sua volta si sente danneggiato dallo stesso ente. Siamo al capolinea, che speravamo non arrivasse mai, ma che nei fatti è lì a pochi passi. Per cui il dramma a due facce può continuare il suo malefico copione.”

Bisogna aggiungere altro? 

Camera del Lavoro, Commissaria straordinaria comune di Modica, Comune di Modica, modica, Questione rifiuti, Salvatore Terranova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


PUBBLICITÀ


Collabora con noi

Vuoi pubblicare un annuncio o effettuare una segnalazione?



Il Domani Ibleo © 2021. Tutti i diritti riservati. Designed by Ideology Creative Studio 

La testata e la linea grafica della testata è stata realizzata da Ariel Garofalo. www.arielgarofalo.com Email: arielgarofalo@gmail.com