Oroscopo
OROSCOPO

Ecco come procedono a Modica i lavori di restauro della chiesa rupestre di S. Nicolò inferiore

Continuano i lavori di restauro della chiesa rupestre di San Nicolò Inferiore votata come “Luogo del Cuore” da 30.226 persone, in occasione del 10° censimento promosso dal FAI.

Nelle ultime settimane si è proceduto, sotto la supervisione della Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Ragusa, a effettuare il consolidamento degli affreschi, con ancoraggio delle superfici pittoriche pericolanti; alla disinfestazione della chiesetta e a saggi di pulitura con individuazione del solvente e dei tempi di reazione.

Sono inoltre in corso studi di approfondimento sugli affreschi a cura del Dipartimento di Scienze Umanistiche e del Dipartimento di Fisica dell’Università di Catania, con cui l’Associazione Culturale Centro Studi sulla Contea di Modica, proprietaria del luogo, ha in previsione di stipulare una convenzione per la valorizzazione della chiesa.

Il Centro Studi sulla Contea di Modica e l’Associazione Culturale VIA, gestore di San Nicolò Inferiore, hanno voluto, sin dall’avvio del restauro, rendere i visitatori “protagonisti” del recupero del monumento, offrendo loro la possibilità di assistere ai vari interventi e scoprire giorno per giorno, in compagnia dei restauratori, il dietro le quinte dei lavori in corso.

La scelta di aprire al pubblico San Nicolò Inferiore è solo una delle tante iniziative promosse dalle due associazioni, al fine di valorizzare il monumento rupestre.

La scelta di rendere i turisti partecipi del restauro in corso suscita grande emozione in loro in quanto si permette in anteprima di ammirare il Cristo Pantocrator del catino absidale e le altre pitture parietali mentre tornano finalmente a risplendere.

Un primo intervento di restauro di San Nicolò Inferiore ebbe luogo nel 1987 dopo il rinvenimento del compianto professore Duccio Belgiorno che, su segnalazione di alcuni bambini, aveva individuato tracce del palinsesto pittorico all’interno di una grotta situata in via Grimaldi, a pochi metri dal Duomo di San Pietro. La scoperta degli affreschi fu davvero “sensazionalistica”, ma non sarà di certo l’ultima: grazie agli interventi e gli studi in corso San Nicolò Inferiore potrebbe assurgere a monumento caposaldo nella storia dell’arte bizantina siciliana.

L’intervento di restauro, cofinanziato dall’azienda Acqua Santa Maria – sponsor ufficiale di San Nicolò Inferiore – da Edilzeta Zaccaria e dal Comune di Modica, è stato affidato alle ditte Ascenzo Restauri di Gaetana Ascenzo e Methodos di Valeria Mallia e ha visto il coinvolgimento, a titolo gratuito, del geometra Marcello Zago che ha eseguito il rilievo al laser scanner degli interni della grotta.

beni culturali, chiesa, cultura, fai, modica, Restauro, San Nicolò

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Collabora con noi

Vuoi pubblicare un annuncio o effettuare una segnalazione?



Il Domani Ibleo © 2021. Tutti i diritti riservati. Designed by Ideology Creative Studio 

La testata e la linea grafica della testata è stata realizzata da Ariel Garofalo. www.arielgarofalo.com Email: arielgarofalo@gmail.com