OROSCOPO

Meteo Ragusa
03 Agosto 2021

OROSCOPO

Meteo Ragusa

Passalacqua sconfitta in casa dalla capolista, le biancoverdi restano terze

Spread the love
2 minuti stimati per la lettura

Passalacqua Ragusa 65

Reyer Venezia 70

Parziali: 10 – 22, 25 – 40, 40 – 55.

Passalacqua Ragusa: Romeo 10, Consolini 7, Harrison 20, Kuier 8, Marshall 14, Trucco 6, Nicolodi, Santucci, Kacerik, Chessari ne., Baglieri ne. Bucchieri ne. All. Recupido.

Reyer Venezia: Natali 5, Petronyte 6, Fagbenle 9, Penna 10, Carangelo 3, Pan 4, Bestagno 10, Horward 13, Attura  13. All. Ticchi

Arbitri: Salustri, D’Amato e Miniato

Ragusa – La Passalacqua Ragusa “mette paura” alla Reyer Venezia, va vicinissima all’impresa, ma alla fine è la capolista a uscire con i due punti in più in classifica dal “PalaMinardi”.

Nel recupero della ventiduesima giornata del campionato di Serie A1 femminile, le “aquile biancoverdi” sono state battute a domicilio di 5 punti (65 – 70) dal quintetto lagunare, che con il successo ottenuto in Sicilia blinda la vetta della classifica.

Con Venezia sempre avanti nel punteggio, dopo un approccio non proprio ideale delle padrone di casa, che hanno segnato appena 25 punti nei primi due quarti, Ragusa ha provato a ricucire lo strappo dopo il riposo lungo e per poco non ci è riuscita. Quando il tabellone del “PalaMinardi” segnava 12 secondi alla fine con Ragusa a – 5 dalla formazione veneta e possesso palla biancoverde, Consolini in rimessa non trova nessuna compagna da servire e resta con la palla in mano permettendo a Venezia di conquistare la vittoria che la conferma prima della classe.

“Dovevamo partire diversamente in attacco – spiega coach Recupido – perché loro ti spingono fuori dai blocchi con la loro fisicità se non muovi la palla, è difficile attaccarle. All’inizio ci siamo intestarditi a prendere iniziative solo sul pick and roll e il risultato sono stati i 25 punti segnati in 20 minuti. L’impatto -continua il tecnico ragusano – non è stato positivo per la squadra e però di buono ci dobbiamo portare la reazione e il fatto che ci siamo sciolti un po’. Io credo che tra noi e le prime due della classe ci sia un gap che è soprattutto mentale e per colmarlo dobbiamo giocare al massimo per tutti i 40 minuti e dobbiamo riuscire a fare le nostre cose per tutto il tempo. Per quanto riguarda poi la partita di stasera c’è da considerare che per noi contava a poco e per loro invece no, e nello sport la motivazione conta, in più ci sono due situazioni come quelle di Santucci e Kacerik che vanno gestite, e ci sono state rotazioni dettate dal loro stato fisico e non dalla partita. Certo che -conclude Recupido – vincere con Venezia ci avrebbe dato grande morale ma non abbiamo fatto una partita per vincere con Venezia”.

Ascolta

basket femminile, campionato serie a1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Newsletter

Resta sempre aggiornato. Iscriviti alla nostra newsletter. Basta un attimo.


Collabora con noi:
dillo al giornale

Vuoi pubblicare un annuncio o effettuare una segnalazione. Scrivici.



Il Domani Ibleo © 2021. Tutti i diritti riservati. Designed by Ideology Creative Studio 

La testata e la linea grafica della testata è stata realizzata da Ariel Garofalo. www.arielgarofalo.com Email: arielgarifalo@gmail.com

Iscriviti alla newsletter del Domani Ibleo per non perderti le ultime news della provincia.